Tutti gli articoli di erik69

“Gioco & Storia” 2017

 

Logo-Gioco&StoriaL’associazione Casus Belli annuncia le date per la manifestazione “Gioco & Storia” che si terrà al Museo storico di Piana delle Orme a Latina. La manifestazione di due giorni avrà luogo il 7 e l’8 ottobre 2017. Scopo principale di “Gioco & Storia” non è solo quello di far giocare fra loro giocatori da tutta Italia ma anche e soprattutto quello di promuovere l’attività ludica (il gioco di simulazione storica in particolare) come nuovo e divertente modo di imparare la storia. Per questo, oltre alle tipiche attività delle manifestazioni ludiche di questo genere (tornei, presentazioni di giochi con i loro autori, mercatino dei giochi, esposizioni di editori e negozianti) una parte specifica sarà dedicata ai ragazzi con tornei junior e la board wargame school (scuola del wargame da tavolo). Oltre allo spazio dedicato al wargame da tavolo più classico ci saranno anche spazi dedicati ad altre tipologie di gioco (scacchi, wargame con miniature, etc…).

Sherman DD
Museo Piana delle Orme – Carro armato Sherman DD

Il tutto nel Museo storico di Piana delle Orme, una struttura unica con ingenti quantità di materiali ed uniformi originali esposti ed organizzati in padiglioni tematici (El Alamein, Cassino, Anzio, Olocausto, agricoltura e bonifica paludi pontine, modellismo e di prossima realizzazione anche uno spazio dedicato all’aeronautica). A disposizione dei visitatori anche spazi per picnic, un bar-ristorante ed uno “spaccio” fornitissimo che vende uniformi originali di ogni tipo e militaria in genere per collezionisti e non.

 

Sei un insegnante?

Se sei un insegnante di scuola media inferiore, superiore o universitario potresti avere la possibilità di promuovere il gioco come nuova modalità di apprendimento divertente e coinvolgete da affiancare alle metodologie più tradizionali. Se vuoi sapere come farlo contattaci e ti daremo suggerimenti, consigli e, ove possibile, supporto diretto basato sulla nostra esperienza ed i progetti che abbiamo realizzato nelle scuole. Leggi anche qui.

Secondo anno di scuola di board wargame

L’esperimento “Board wargame school”, ovvero l’apprendimento tramite l’uso del board wargame a scuola, è al suo secondo anno.
Proprio l’anno scorso è stato sperimentato un corso in cui abbiamo impegnato quattro docenti con una platea di circa 80 studenti delle scuole superiori. Un corso articolato su fasi ben precise per condurre il discente verso l’apprendimento di nozioni storiche, linguistiche, statistiche e a stimolare certi schemi mentali. La lesson plan utilizzata consiste in una presentazione del gioco di simulazione e quali campi esso tocchi. Nella seconda parte si dà una connotazione storica al gioco di simulazione ricordando la battaglia di Waterloo attraverso video e immagini (episodio storico scelto come esempio). A questa prima parte introduttiva , abbiamo dato seguito con la descrizione della mappa esagonale raffigurante il campo di battaglia su cui muovere i pezzi secondo una serie di regole predefinite. Le regole, semplici e intuitive, vengono impartite in lingua inglese per spingere lo studente a ragionare e usare termini della L2 (la seconda lingua). Infine abbiamo preparato i tavoli da gioco con mappa e unità e fatto accomodare gli studenti per trasformare quanto introdotto in pratica. Si pensi al gioco degli scacchi, ma nella fattispecie la scacchiera è sostituita da una mappa geografica e i pezzi rappresentano delle unità militari anzichè pedoni, alfieri o torri. Ad una prima rilevazione abbiamo potuto constatare l’assimilazione da parte dei ragazzi di molti termini inglesi, delle nozioni storiche, ma soprattutto la loro ricerca di soluzioni a trovare le mosse migliori per sopraffare l’avversario di turno. Non inganni il termine sopraffare. L’aspetto competitivo del gioco è sempre ben accetto. È stimolante e formativo sempre che non sia il solo scopo dell’intero processo.
Proprio in questo processo di apprendimento si può individuare la validità del progetto. Spesso certe capacità di ragionamento non sono utilizzate dallo studente, preda di un sapere nozionistico e sterile. Bisogna passare dalla sola lezione frontale a una lezione in cui, apparentemente senza sforzo, riusciamo a condurre il discente ad utilizzare quanto appreso . Non mera teoria a se stante, ma tendente a conseguire un risultato. È nostra intenzione sviluppare e approfondire quanto sperimentato in futuro , verificando le molteplici possibilità offerte dai giochi di simulazione che coprono completamente la storia dell’umanità.
Quest’anno il progetto sarà riproposto per tutto l’anno nelle scuole interessate e monitoreremo i progressi conseguiti. Il progetto sarà parte integrante della manifestazione che terremo al museo storico Piana delle Orme l’8 e 9 ottobre 2016.